Glossario

Investimenti e trading
Diritto Societario e Commerciale
Conti e carte
Tecnologia
Economia
Governance
Mutui
Prestiti

Azioni a voto maggiorato o plurimo

Azioni che conferiscono più di un singolo voto in assemblea ordinaria o straordinaria al suo possessore. Sono state introdotte nell’ordinamento italiano con il Decreto Competitività del giugno 2014, convertito poi nella legge 116/2014. Se le società non sono quotate, il nuovo art. 2351 del Codice Civile stabilisce che si possa concedere un massimo tre voti per azione. L’articolo 127 del Testo Unico della Finanza stabilisce che le società quotate possano inserire nel proprio statuto la possibilità di conferire due voti per ciascuna azione appartenuta al medesimo soggetto per un periodo continuativo superiore ai 24 mesi, una sorta di “premio fedeltà” per chi è rimasto nell’azionariato almeno due anni.