Glossario

Mutui
Investimenti e trading
Conti e carte
Tecnologia

Imposta sostitutiva

L’imposta sostitutiva è un tributo che viene pagato al posto di una o più imposte diverse. Quando si stipula un mutuo per l’acquisto di un immobile, l’imposta sostitutiva va a sostituire l’imposta ipotecaria, di registro, di bollo e catastale, e si calcola applicando all’importo finanziato (indipendentemente dal valore dell’immobile) un’aliquota dello 0,25% per l’acquisto della prima casa oppure del 2 per cento per l’acquisto, la ristrutturazione o la costruzione. Per i finanziamenti a medio e lungo termine (dai 18 mesi in su), solo se contratti in Italia e con un ente di finanziamento (banca o finanziaria), l’imposta sostitutiva prende il posto dell’imposta di bollo e di registro.

I più letti

Conto corrente: la guida completa

Il conto corrente è uno strumento a cui non si può rinunciare, se si vogliono gestire in modo efficiente le proprie risorse economiche. La funzionalità principale dei conti è quella di custodire il proprio denaro in modo sicuro e utilizzarlo tutte le volte che serve, tramite i contanti o le carte di pagamento.

Carta di debito: la guida completa

La carta di debito è la carta di pagamento più utilizzata, perché normalmente viene consegnata ad ogni correntista che ne fa richiesta all’apertura del nuovo conto corrente.

Mutuo: la guida completa

Comprare casa è un investimento per il futuro che va programmato con attenzione, soprattutto quando è necessario richiedere un mutuo. Le variabili in gioco sono diverse, come il tipo di tasso applicato e la presenza o meno di un garante.