Glossario

Investimenti e trading
Diritto Societario e Commerciale
Conti e carte
Tecnologia
Economia
Governance
Mutui
Prestiti

Passività correnti

Lo stato patrimoniale civilistico (ovvero quello stabilito dall’articolo 2424 del Codice Civile) viene riclassificato secondo criteri finanziari che ne rendono più immediata la lettura da parte degli analisti. Nel processo di riclassificazione, il passivo dello stato patrimoniale viene diviso in tre distinte sezioni, ovvero il patrimonio netto, le passività consolidate e le passività correnti. Queste ultime sono le fonti di finanziamento che vanno rimborsate entro i 12 mesi. Comprendono infatti i debiti elencati nella voce D dello stato patrimoniale civilistico sotto i 12 mesi, i fondi per rischi e oneri esigibili entro 12 mesi allocati alla voce B, i ratei e i risconti passivi annuali elencati alla voce E.