Cosa sono le criptovalute? Come investire e come minare?

Ma voi ve lo ricordate il Bitcoin? Ripercorriamo brevemente la storia di questo strumento, un po’ valuta, un po’ sfida tecnologica e un po’ – secondo alcuni – asset di investimento per diversificare il portafoglio.

Vai al massimo con il trading Webank

Cosa sono le criptovalute

Il Bitcoin è una “valuta digitale crittografata”, in sintesi criptovaluta: la sua esistenza si basa infatti sui principi della crittografia, la cui funzione è quella di contrastare le contraffazioni. Il sistema informatico che viaggia in parallelo e ne permette il funzionamento è la blockchain. L’idea da cui ha avuto origine è attribuita all’ingegno di tale “Satoshi Nakamoto”, non si sa se persona realmente esistita o esistente o sigla di un commando di programmatori.

Da qui in avanti, sembra quasi la trama del libro (e dell’omonimo film, diretto da Steven Spielberg) “Ready Player One”: il protocollo del Bitcoin prevede che ogni 10 minuti un software renda automaticamente disponibili online 25 nuovi Bitcoin: se li aggiudicano coloro che per primi riescono a risolvere un complesso quesito matematico che identifica la chiave di accesso (una sequenza di lettere e numeri). Questo processo di ricerca si chiama mining, che vuol dire “estrazione”. Non a caso, esperti e appassionati parlano di “minare criptovalute”.

Ma attenzione: la chiave di accesso diventa sempre più complicata e il processo di estrazione sempre più difficile, per tenere sotto controllo il tasso di crescita della valuta virtuale. Molte società si sono lanciate nella corsa all’“oro digitale”, investendo in hardware e software nella speranza di decifrare i codici e aggiudicarsi quanti più Bitcoin possibile. Con grande dispendio di risorse ed energia per mantenere le macchine in funzione.

Non c’è solo il Bitcoin

Con il tempo, oltre al Bitcoin, sono arrivate molte altre criptovalute. La lista è lunga e corposa, anche perché chiunque, in linea di principio, può dare vita a una sua criptovaluta: a decretarne il successo, poi, sarà la domanda. Il che ci porta alla caratteristica fondamentale delle criptovalute: infatti, mentre il valore delle monete tradizionali è preservato dalle banche centrali, sulle cryptocurrencies non esiste supervisione.

Se da un lato ciò fa sì che nessuna autorità possa “intromettersi” controllando il valore della valuta virtuale, dall’altro nega ai possessori di criptovalute qualunque protezione in caso di crisi. In uno scenario di questo genere, infatti, la moneta tradizionale è difesa dalla banca centrale di riferimento, mentre per il Bitcoin e le altre criptovalute non esiste protezione.

L’unico fattore che può tenere alto il valore è l’offerta – limitata dal sistema di chiavi d’accesso di cui abbiamo parlato – congiunta però a una domanda sostenuta, quindi a una piazza di investitori consistente e interessata. Se la domanda langue, il valore cala.

Investire in criptovalute?

Mettendoci nei panni degli investitori, la domanda a questo punto è: quanto vale la pena, oggi, di prendere in considerazione un investimento in criptovalute? Se da una parte, infatti, alcuni ritengono che le criptovalute possano ricoprire un ruolo nella diversificazione del portafoglio, alla luce di quanto detto è senz’altro d’uopo un po’ di cautela.

La performance del Bitcoin è infatti stata sorprendente, ma proprio per questo allarmante: +29.000% dal 2013 al 2018, equivalente a un +161% annuo. In confronto, il +87% dell’S&P 500 nello stesso arco di tempo e il suo +11% annuale sembrano quasi un’inezia.

Prendendo però in esame, come metrica di rischio, il cosiddetto maximum drawdown (ovvero, la perdita massima), il -84% del Bitcoin si confronta con il ben più ragionevole -14% dell’indice USA dal 2013 ad oggi. E anche la volatilità non è irrilevante: 83% il dato annualizzato del Bitcoin, contro il 15% dell’S&P 500.

Il Bitcoin più che un investimento somiglia a una scommessa, con tutti i rischi e gli imprevisti annessi e connessi.

di AdviseOnly

Banco bpm
Vuoi maggiori informazioni sul trading?