Come calcolare il tasso d'interesse di un prestito personale?

Quando ci si appresta a chiedere un prestito personale le cose da considerare sono: il totale delle rate da pagare, l’importo di ogni rata e a quanto ammonta il tasso di interesse. Quest’ultimo è quello che stabilisce effettivamente l’importo totale dovuto all’istituto bancario o alla finanziaria. Comprendere come si calcolano gli interessi di un prestito è importante per evitare eventuali truffe ma anche per valutare quale preventivo fra quelli richiesti ai diversi istituti di credito sia quello più interessante per voi.

Farsi strada in questa miriade di informazioni, si sa, non è facile, per questo andremo ora a scoprire con questa mini guida cos’è il tasso di interesse e come calcolarlo.

Realizza i tuoi progetti!

Cos’è il tasso d’interesse

Con il termine “interesse” si definisce la somma corrisposta a titolo di detenzione del capitale erogato con il prestito che si è andati a richiedere. Un esempio pratico per comprendere il concetto è quello del noleggio di un automezzo. In questo caso, vi verrà chiesto di pagare una somma per poter utilizzare l’automezzo per un determinato periodo. Nel caso del prestito personale, gli interessi sono quelli che vanno corrisposti perché vi viene concessa una somma di denaro di cui disporre.

Gli interessi corrisposti sono la moltiplicazione di 3 variabili e più precisamente di:

1. capitale richiesto in prestito

2. durata del prestito

3. tasso applicato al prestito

Con capitale si intende l’importo richiesto (es. 10.000 €), la durata sono il totale degli anni in cui prevediamo di dilazionare le rate per ripagare la somma di denaro avuta dalla banca, mentre il tasso applicato è la somma in più da pagare maturata sull’importo erogato. Nello specifico, si parla di TAN e TAEG: il TAN (Tasso Annuo Nominale) esprime in percentuale e su base annua gli interessi relativi al prestito; il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) indica invece il costo totale del prestito, comprensivo di tutte le spese obbligatorie a esso connesse.

Il risultato di questo calcolo vi restituirà l’ammontare totale degli interessi che, sommato poi al capitale del prestito personale richiesto, vi darà il cosiddetto “montante”, ovvero il capitale complessivo da restituire.

Un esempio pratico di calcolo degli interessi sulla rata del prestito personale

Ipotizziamo un prestito di 10.000 € con interessi al 12% per un periodo di 45 giorni. Il calcolo da eseguire è il seguente:

(10.000 * 12 * 45)/36.500 = 147,95

L’importo ottenuto è l’interesse mensile da corrispondere all’istituto bancario o finanziaria.

In questo caso abbiamo calcolato l’importo degli interessi su un tasso nominale annuo, ma il tasso potrebbe anche essere mensile o semestrale, per questo è importante verificare sempre la tipologia di tasso che vi viene applicato.

Questa informazione è fondamentale per calcolare l’importo mensile da corrispondere e sviluppare un piano di ammortamento rateale delle vostre spese mensili e totali.

Tasso di interesse come si calcola

Qualora non si abbia a disposizione la percentuale del tasso di interesse applicata al capitale richiesto come prestito personale, si parla di calcolo inverso e si devono avere a disposizione i seguenti 4 fattori:

1. importo della rata mensile da corrispondere;

2. numero delle rate totali da pagare o anni del prestito;

3. importo del prestito richiesto come base;

4. montante totale da corrispondere.

Il calcolo del tasso di interesse si esegue tramite una formula matematica che incrocia questi dati al fine di fornire la percentuale mancante. La formula non è semplice e varia in base ai seguenti fattori:

  • Tempo espresso in anni;
  • Tempo espresso in mesi;
  • Tempo espresso in giorni (che possono essere di anno civile, bisestile o commerciale).

Per eseguire il calcolo inverso è consigliato l’utilizzo di un calcolatore online dove, compilando i campi richiesti, avrete a disposizione in pochi secondi la percentuale del tasso di interesse che andrete a corrispondere.

Vuoi conoscere di più sui prestiti e finanziamenti, le tipologie e come richiederli? Visita la nostra guida di approfondimento sui prestiti personali.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni economiche di tutte le tipologie di mutuo fare riferimento alle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto a Consumatori disponibili presso le filiali della banca e sul sito bancobpm.it alla sezione “Trasparenza”.

L’erogazione del finanziamento è subordinata alla normale istruttoria da parte della banca. Il credito è garantito da un’ipoteca sul diritto di proprietà o su altro diritto reale avente per oggetto un bene immobile residenziale.

Per quanto riguarda i prodotti Ducato ricordiamo che la richiesta di prestito è soggetta ad approvazione di Agos Ducato.

Sul sito www.bancobpm.it e in filiale sono disponibili gratuitamente su richiesta della clientela il modulo “informazioni europee di base sul credito ai consumatori” (S.e.c.c.i.) e la copia del testo contrattuale. La flessibilità può essere esercitata nel rispetto dei limiti contrattualmente previsti, in caso di regolarità dei pagamenti e rimborso tramite addebito diretto in conto corrente SDD.

Banco bpm
Realizza i tuoi progetti!