Scoppio e incendio, la polizza obbligatoria per chi richiede un mutuo

Chi cerca un mutuo, presto o tardi, incontra la questione delle coperture assicurative. È infatti possibile proteggere il mutuo con delle polizze che tutelano il mutuatario nel caso dovesse succedere qualcosa all’immobile; in questo modo, se un evento fortuito dovesse danneggiare la casa, l’assicurazione provvederebbe a risarcire tali danni.

La maggior parte delle coperture assicurative sui mutui sono facoltative, mentre la polizza scoppio e incendio è obbligatoria e il cliente può scegliere se acquistarla dalla banca che eroga il mutuo o da un altro intermediario assicurativo presente sul mercato.

In questo articolo vogliamo appunto parlare del perché questo sia un obbligo, ed in che modo l’assicurazione ci protegge contro eventi che potrebbero potenzialmente azzerare il valore della nostra nuova casa.

Vorresti cambiare il tuo mutuo?

Polizza scoppio e incendio, come protegge il nostro mutuo

La polizza scoppio e incendio assicura un valore pari alla somma che servirebbe per ricostruire l’immobile nel caso in cui questo dovesse venire completamente distrutto da uno scoppio o dalle fiamme.

Gli eventi coperti da questa polizza sono, tra gli altri, uno scoppio in seguito ad una fuga di gas o un incendio dovuto a un cortocircuito elettrico. Si tratta di eventi sfortunati che, però, possono avvenire ed essere un problema molto serio per i mutuatari.

Grazie alla copertura assicurativa, qualora si dovesse verificare uno degli eventi assicurati, potremmo essere sicuri di avere un’assicurazione pronta a risarcire il valore di costruzione del nostro immobile. In questo modo non ci ritroveremmo con le rate del mutuo da pagare, e senza più la nostra casa.

Come mostrato dal report ufficiale dei Vigili del Fuoco, sono circa 60.000 gli incendi domestici che si verificano in Italia ogni anno. Talvolta basta un difetto della presa di corrente di un elettrodomestico per rovinare indelebilmente un appartamento.

Anche se il pagamento del premio può sembrare un onere scomodo ai mutuatari, è un bene che la legge preveda l’obbligo della polizza scoppio e incendio: migliaia di famiglie italiane hanno visto salva la propria situazione finanziaria proprio grazie all’intervento delle compagnie assicurative a seguito di un incendio o uno scoppio domestico.

Ci sono altre polizze obbligatorie?

Le normative italiane sono piuttosto elastiche per quanto riguarda l’obbligo di polizze sui mutui. Solo quella sullo scoppio e incendio, infatti, è necessaria per legge. Tutte le altre polizze sono facoltative, per quanto possano essere comunque molto utili per tutelare la posizione del mutuatario quanto quella degli istituti di credito.

Esempi tipici sono la polizza sulla vita, quella sulla disabilità permanente e quella sul furto. Sono tutti casi nei quali con i quali si spera di non dover avere a che fare, ma contro i quali è un bene essere protetti.

In ogni caso, grazie agli accordi tra le banche e le compagnie assicurative, è facile riuscire ad identificare le polizze che possono essere più interessanti per il nostro mutuo. Il professionista che per conto della banca segue la nostra pratica di mutuo potrà consigliarci e ci presenterà -per legge- delle offerte di almeno due compagnie assicurative diverse in modo da poter scegliere quella che riteniamo essere più conveniente.

La polizza va sottoscritta con le compagnie affiliate alla nostra banca?

Questo è un punto interessante. In realtà, fintanto che l’assicurato provvede ad assicurarsi con una compagnia assicurativa che ha sede in Italia, è libero di rivolgersi alla compagnia che preferisce. Non è un elemento di poco conto, dal momento in cui rivolgendosi all’assicurazione con cui si hanno già delle polizze attive si riesce spesso a risparmiare.

È prassi, infatti, che un’assicurazione tenda a dare degli sconti ai suoi clienti quando hanno diversi tipi di polizza attivi. Non parliamo solo di assicurazioni sul mutuo, ma anche di RC Auto, prodotti finanziari assicurativi e così via.

Oltre a controllare le opzioni presentate dalla banca, dunque, ricordiamoci di chiedere alla nostra compagnia assicurativa un preventivo: potrebbe esserci d’aiuto per risparmiare.

Quanto costa e cosa sapere sui pagamenti

L’importo dei premi assicurativi varia di caso in caso, a seconda del valore assicurato e della durata del mutuo. L’assicurazione, infatti, resterà attiva almeno fino a che rimarrà aperto il nostro debito con la banca; potremo comunque estendere il contratto oltre la durata, se vorremo, per continuare a tutelare la nostra casa dai potenziali rischi.

Quanto ai premi, questi possono essere pagati in un’unica soluzione all’inizio del contratto oppure in modo annuale, eventualmente rateizzando i singoli premi per gestire più facilmente le nostre uscite.

Un’ultima cosa interessante in merito all’estinzione anticipata del mutuo. Se dovessimo chiudere il nostro debito con la banca prima del previsto, avremo diritto al risarcimento dei premi già versati e non goduti. Molto utile da sapere, specialmente per chi si trova ad estinguere il mutuo in modo anticipato dopo aver pagato un unico premio assicurativo iniziale.

Banco bpm
Vuoi maggiori informazioni sui mutui?