Pagamento del canone Rai: ecco come funziona

Dal 2016 il canone Rai è incluso nella bolletta della luce: il pagamento avviene in dieci rate mensili con addebito sulle fatture del proprio gestore elettrico. In passato, invece, il pagamento veniva effettuato con bollettino postale.

In parallelo, è stata introdotta la cosiddetta presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo: secondo questo principio, in presenza di un’utenza elettrica residente viene dato per scontato il possesso dell’apparecchio. Di conseguenza, il pagamento del canone Rai scatta in automatico. Come ovviare a questo problema se non si possiede una tv e in quali casi si ha diritto all’esenzione?

Tanti conti correnti per tutte le esigenze

Come pagare il canone Rai e come richiedere l’esenzione

Come già accennato, l’addebito in bolletta riguarda esclusivamente le utenze elettriche domestiche residenziali. Qualora, invece, l’utenza ricada nella tipologia “non residente”, il pagamento del canone Rai dovrà avvenire tramite il modello F24. La stessa modalità è prevista per i casi in cui la fornitura elettrica avvenga tramite reti non interconnesse con la rete nazionale.

Chi non ha il televisore e non intende pagare il canone dovrà presentare la cosiddetta dichiarazione di non detenzione. Quest’ultima andrà compilata annualmente utilizzando l’apposito modello. Dal pagamento del canone Rai sono esonerati gli over 75 con reddito annuo non superiore a 6.713 euro per le richieste fino al 2017 ed euro 8.000 per l’anno di imposta 2017 e 2018. Per attestare il requisito e beneficiare dell’agevolazione è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva. Chi, pur in presenza dei requisiti, avesse già provveduto al pagamento può effettuare la richiesta di rimborso tramite servizio postale, posta elettronica certificata o rivolgendosi agli uffici territoriali dell’Agenzia delle entrate.

Utilizzare il modello F24 per il pagamento del canone

Vediamo ora come pagare il canone Rai con il modello F24. Quest’ultimo può essere presentato in forma cartacea o telematica. Chi è titolare di un conto corrente online presso una banca convenzionata con l’Agenzia delle Entrate può effettuare il pagamento senza recarsi agli sportelli: potrà infatti utilizzare il servizio internet banking per compilare e inviare il modello.

Banco bpm
Vuoi maggiori informazioni sui conti correnti?