Polizza vita mutuo: conviene stipularla?

Il mutuo è un contratto lungo, per cui è sempre bene tutelarsi contro qualsiasi imprevisto che possa sorgere nel corso del tempo. Uno dei modi migliori per farlo è tramite le polizze vita.

In Italia, l’unica polizza obbligatoria per ogni mutuo è quella contro scoppio e incendio. Questo non significa, però, che attivare delle altre forme di prudenza sia sbagliato. Una polizza vita può assistere i nostri familiari in caso ci succedesse qualcosa, ma aiuta anche noi stessi a vivere con più tranquillità il periodo in cui il mutuo rimane attivo.

In questo nuovo appuntamento del nostro magazine andremo a vedere:

  • Se e quando conviene associare una polizza vita al mutuo
  • Cosa copre la polizza
  • Quanto costa, come attivarla e i migliori consigli per chi vuole risparmiare
Vorresti cambiare il tuo mutuo?

In che modo una polizza vita può proteggerci?

Le polizze vita coprono, in primis, i due eventi che possono compromettere nel modo più grave la nostra capacità di ripagare il mutuo: la morte o l’invalidità permanente. Questo tipo di polizza serve soprattutto a proteggere i nostri familiari, garantendo loro di poter continuare a pagare le rate del mutuo per mantenere l’immobile in cui vivono.

Se vogliamo proteggerci ulteriormente, possiamo andare a corredare la nostra polizza coprendo ulteriori rischi. Ad esempio, possiamo assicurarci contro la perdita del lavoro.

L’assicurazione ha una durata variabile, che può andare da 36 mesi fino a oltre vent’anni, a seconda di quanto dura il nostro mutuo. Fino alla fine del pagamento delle rate, sapremo che nel caso di un evento coperto dall’assicurazione sarà quest’ultima a subentrare nei pagamenti al posto nostro.

Queste polizze possono andare a coprire importi di ogni ordine di grandezza, da alcune decine di migliaia di euro fino a diversi milioni. Sono una scelta che non dipende dal valore della nostra casa, ma piuttosto dalla nostra attitudine al rischio e dalla nostra situazione familiare.

Conviene stipulare una polizza vita?

Non c’è un modo universale per determinare la convenienza di una scelta del genere. Potremmo essere talmente sicuri della nostra salute e della nostra fortuna da non sentirne il bisogno. Allo stesso modo, se non abbiamo familiari né eredi, potremmo sentire di meno la necessità di attivare questa copertura.

Normalmente il punto di partenza migliore è quello di raccogliere dei preventivi. Spesso è direttamente la nostra banca a presentarceli, insieme a quelli per la polizza scoppio e incendio.

Una tutela interessante per i mutuatari italiani arriva da una normativa del 2012. La normativa prevede che ogni banca debba presentare ai clienti tre preventivi diversi per ogni polizza associata al mutuo, di cui due devono essere di assicurazioni che non sono associate al gruppo bancario in alcun modo.

Una volta raccolti i preventivi possiamo ragionare meglio sulla loro convenienza. La scelta finale spetta a noi, senza un metodo preciso di calcolo o di valutazione.

Può aiutarti, in ogni caso, sapere che i premi assicurativi possono essere detratti del 19% ogni anno, fino ad un massimo di 530€.

Chi può stipulare una polizza vita associata al mutuo?

Come abbiamo accennato, le polizze vita possono coprire mutui più o meno lunghi, così come possono essere adattate praticamente a qualunque importo.

L’unico limite da conoscere riguarda l’età del contraente. Ogni assicurazione ha una sua politica in merito, ma in media possiamo dire che:

  • Nel momento in cui attiviamo la polizza, è richiesta un’età inferiore a 70 anni;
  • Affinché la polizza venga attivata, al termine della copertura dovremo avere meno di 80 anni.

Alcune assicurazioni possono anche avere limiti diversi per il caso morte e il caso di invalidità permanente.

Costo della polizza e consigli per risparmiare

Il costo di una polizza vita varia a seconda di alcuni fattori:

  • L’età del contraente e il suo stato di salute
  • La durata della copertura
  • L’età del contraente al termine della copertura
  • Il valore assicurato
  • Il rapporto tra assicurato e assicurazioni (chi è già cliente di una certa azienda tende a ottenere offerte più convenienti)

A seconda di tutti questi fattori, il costo di una polizza vita può andare dal 2% al 5% del valore del mutuo.

Se vogliamo risparmiare un pochino, dobbiamo prestare particolare attenzione al modo in cui scegliamo di pagare le rate. Le soluzioni proposte, di solito, sono due:

  • Premio unico all’attivazione della polizza, la scelta più frequente dei mutuatari italiani
  • Premio annuale

Il premio annuale è più caro, ma allo stesso tempo ci permette di usufruire in modo continuativo della detrazione del 19% e di gestire in modo più graduale le nostre uscite. Questa volta la scelta diventa pura matematica: preventivi alla mano, dovremo andare a scegliere la soluzione che ci costa di meno a parità di coperture.

Banco bpm
Vorresti cambiare il tuo mutuo?