Estensione dello stato di emergenza, deliberato il 26 febbraio 2021, al territorio dei Comuni di Porte di Rendena, di Riva del Garda, di San Lorenzo Dorsino, di Sella Giudicarie, di Spiazzo e di Stenico, della Provincia autonoma di Trento, colpito dagli eventi meteorologici dal 2 al 4 ottobre 2020.

La delibera del Consiglio dei ministri del 15 aprile 2021 ha esteso gli effetti dello stato di emergenza al territorio dei comuni di Porte di Rendena, di Riva del Garda, di San Lorenzo Dorsino, di Sella Giudicarie, di Spiazzo e di Stenico, della Provincia autonoma di Trento, colpito dagli eventi meteorologici verificatisi nei giorni dal 2 al 4 ottobre 2020.

Il Gruppo Banco BPM recepisce tale ordinanza ed esprime tutta la sua solidarietà alle persone coinvolte.

Presentando un’autocertificazione dei danni entro il 30 giugno 2021, verrà data la possibilità di sospendere il mutuo ai propri clienti, sia privati sia imprese, destinatari del suddetto provvedimento.

I mutuatari potranno scegliere liberamente se:

  • Sospendere l’intera rata (sia quota capitale che interessi)
  • Sospendere soltanto la quota capitale, continuando a corrispondere gli interessi nel periodo di sospensione.

La sospensione potrà durare:

  • Fino alla cessazione dello stato di emergenza
  • Come termine massimo, fino al 26 febbraio 2022.

Per tutti i dettagli in merito, invitiamo gli interessati a consultare la comunicazione istituzionale del Gruppo Banco BPM e i Prospetti esemplificativi degli interessi che maturano nel periodo di sospensione. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare la propria Filiale del Gruppo Banco BPM.

 

 

La sospensione delle rate dei finanziamenti è soggetta alla normale istruttoria da parte della Banca. Per le modalità di calcolo degli interessi durante il periodo di sospensione delle rate dei mutui consultare i prospetti esemplificativi disponibili tramite i link sopra indicati.

Banco bpm
Le nostre filiali