Mutuo ristrutturazione: Costi, Surroga, Tassi e Tipologie

Richiedere un mutuo oggi potrebbe essere vantaggioso, soprattutto se si opta per la soluzione mutuo ristrutturazione. Se non sai cosa sia sei nel posto giusto: ecco spiegate, in questa breve guida, tutte le caratteristiche di questa tipologia di mutuo,  per aiutarti a valutare se può fare al caso tuo.

Acquisto o ristrutturazione?

Cos’è il mutuo ristrutturazione

Il mutuo per ristrutturazione serve a ripristinare l’aspetto e la funzionalità di un immobile che, come ogni cosa, è soggetto a usura e deprezzamento con lo scorrere del tempo.

Questa tipologia di mutuo consente, nella maggior parte casi, di beneficiare di un finanziamento che copre circa l’80% delle spese e che può avere una durata dai 5 sino ai 30 anni.

Il mutuo ristrutturazione può essere richiesto per effettuare interventi di manutenzione ordinaria oppure straordinaria con lavori sulla struttura dell’immobile come il rifacimento del tetto, l’isolamento termico o la sostituzione degli impianti elettrico e idraulico.

Inoltre, con il mutuo ristrutturazione è possibile finanziare anche interventi maggiori come ad esempio per la messa in sicurezza delle fondamenta dell’abitazione, ampliamento dell’abitazione.

Richiedere il mutuo ristrutturazione non è difficile e lo si può fare anche in via preventiva richiedendo al proprio istituto bancario un prospetto per capire la cifra massima che potrebbe essere corrisposta e il piano di rientro richiesto.

Mutuo ristrutturazione, c'è la detrazione?

In molti si chiedono se sia possibile ottenere delle detrazioni per quanto riguarda il mutuo ristrutturazione.

Oltre alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi di efficienza energetica, chi deve fare lavori in casa può godere di un’altra agevolazione, in caso debba ricorrere a un finanziamento bancario.

Si possono infatti detrarre dall’Irpef gli interessi passivi, e i relativi oneri accessori, pagati sui mutui ipotecari stipulati per la ristrutturazione o la costruzione dell’abitazione principale.

Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente e/o i suoi familiari dimorano abitualmente. A tal fine, solitamente rilevano le risultanze dei registri anagrafici o l’autocertificazione con la quale il contribuente può anche attestare che dimora abitualmente in luogo diverso da quello indicato nei registri anagrafici.

Mutuo ristrutturazione casa in un'unica soluzione o in base all’avanzamento dei lavori

Solitamente il mutuo per ristrutturare casa prevede che la banca eroghi le somme in funzione dell’avanzamento dei lavori e a seguito di perizia che certifichi lo stato di avanzamento della ristrutturazione.

In questo modo il cliente pagherà gli interessi via via solo sulle somme effettivamente erogate e utilizzare per pagare i lavori completati.

In alcuni casi il mutuo ristrutturazione può essere erogato in un’unica soluzione e permette di beneficiare dell’intera cifra nell’immediato.

In questo modo l’intestatario del mutuo potrà procedere a diversi interventi e occuparsi di più cose contemporaneamente.

Surroga mutuo ristrutturazione: quali i vantaggi?

La surroga del mutuo di ristrutturazione è un elemento molto importante da prendere in considerazione, poiché consente di ottenere dei vantaggi oppure beneficiare di tempi più lunghi per saldare il debito.

La surroga consente di trasferire un mutuo da una banca all’altra qualora questa sia in grado di offrire prezzi più convenienti o riservare ammortamento più lungo.

Richiedere la surroga mutuo è davvero conveniente qualora si voglia beneficiare di tassi per il mutuo ristrutturazione più bassi oppure allungare il periodo delle rate senza aumentare troppo.

I vantaggi però vengono concessi anche qualora si dovesse modificare il tasso, facendolo passare da fisso a variabile e nel caso in cui lo spread dovesse risultare più basso, così come anche la percentuale di fondi ricevuti rispetto al valore della casa stessa.

È possibile richiedere la surroga di un mutuo ristrutturazione una volta che il finanziamento abbia completato le fasi di erogazioni parziali e sia in stato di ammortamento.

Quanto costa il notaio per un mutuo ristrutturazione?

La presenza del notaio è fondamentale anche per quanto riguarda la richiesta del mutuo ristrutturazione.

Nella maggior parte dei casi, il prezzo richiesto dal notaio oscilla indicativamente tra 1.000 € e 3.000 €, anche se la parcella può variare in base agli interventi da svolgere e all’importo che viene richiesto all’istituto bancario.

Il notaio dovrà apporre la sua firma sul mutuo in modo da legittimare l’atto che consente di procedere alla ristrutturazione della casa accertandosi che non siano presenti delle anomalie che potrebbero comportare un aumento dei costi delle operazioni da svolgere.

 

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni economiche di tutte le tipologie di mutuo fare riferimento alle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto a Consumatori disponibili anche presso le filiali della banca.

L’erogazione del finanziamento è subordinata alla normale istruttoria da parte della banca. Il credito è garantito da un’ipoteca sul diritto di proprietà o su altro diritto reale avente per oggetto un bene immobile residenziale.

Banco bpm
Acquisto o ristrutturazione?