Efficientamento Energetico della Casa e i suoi benefici: la guida completa

Il raggiungimento dei target climatici ed energetici fissati dall’Unione Europea con orizzonte temporale 2030 richiede nuovi grandi investimenti. La Commissione Europea ha stimato come €260 mld all’anno saranno necessari per raggiungere tali obiettivi attraverso:

  • riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas serra rispetto al livello del 1990;
  • il raggiungimento di una quota pari al 32% di energia prodotta proveniente da fonti rinnovabili;
  • un miglioramento di almeno il 32,5% rispetto all’attuale stato di efficienza energetica.
 

Indice

 

Il ruolo del settore immobiliare

In particolare, gli investimenti destinati al miglioramento dell’efficienza energetica del settore immobiliare risultano essere un elemento fondamentale rispetto al raggiungimento degli obiettivi di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico in atto.

Con questo riguardo, il processo di efficientamento dello stock immobiliare risulta strategico al fine di ridurre i consumi energetici (primariamente legati a fonti di natura fossile e non rinnovabile) e conseguentemente le emissioni di anidride carbonica, impattando al contempo sullo stato di salute dei cittadini e riducendo la quota dei costi sostenuti per energia.

L’Unione Europea stima come, in media, meno dell’1% dello stock immobiliare europeo ogni anno è oggetto di rinnovamento. Per raggiungere gli obiettivi prefissati sarà necessario raddoppiare l’attuale tasso.

L’Italia persegue i medesimi obiettivi di efficienza energetica, decarbonizzazione e sicurezza energetica definiti nel contesto del Green Deal europeo. Con questo riguardo, a dicembre 2019 il Ministero dello Sviluppo Economico in concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) per gli anni 2021-2030, in attuazione del Regolamento (UE) 2018/1999.

All’interno del Piano italiano un ruolo strategico è necessariamente ricoperto dal settore immobiliare, responsabile per circa il 36% delle emissioni di CO2 a livello comunitario.

In particolare, in Italia 12,42 mln di edifici sono a destinazione d’uso residenziale con 32 mln di abitazioni e 1,5 mln non residenziali.

Ancora, oltre il 60% dello stock immobiliare è stato costruito prima dell’introduzione della Legge 373/1973, la prima legge italiana relativa al risparmio energetico.

Torna all’indice

Acquisto o Ristrutturazione
 

Detrazione fiscale: quali sono gli interventi energetici previsti

L’Italia promuove la transizione dello stock immobiliare esistente attraverso misure di incentivazione volte a rendere gli immobili più efficienti e sicuri. Nello specifico, gli interventi che prevedono aliquote di detrazione fiscale per le spese sono:

  • in ambito di efficienza energetica
  • interventi antisismici
  • installazione di impianti fotovoltaici
  • Installazione di infrastrutture di ricarica elettrica

Un ulteriore tassello fondamentale è rappresentato dal Decreto Crescita del 30 aprile 2019 che ha sancito la possibilità della cessione del credito fiscale ad un soggetto terzo anche per interventi relativi ad immobili residenziali.

Con riguardo al Superbonus 110%, a marzo 2021, Nomisma[1] ha stimato 6,521 interventi avviati per un investimento complessivo pari a circa € 670 mln.

[1] Elaborazione Nomisma su dati ENEA

Torna all’indice

 

Ricerca verso ambienti più salubri e spazi confortevoli

Un immobile più efficiente ha necessariamente un impatto positivo sulla vita di coloro che vi risiedono attraverso la creazione di ambienti più salubri.

La crisi dovuta al COVID 19 e le restrizioni imposte hanno enormemente amplificato la consapevolezza legata all’importanza di vivere in spazi confortevoli dove incorporare sempre più le esigenze lavorative.

A questo proposito, un recente sondaggio ha evidenziato come il 41% degli italiani si dichiari più attento al tema della salubrità legata all’abitazione rispetto a 5 anni fa mentre il 36% dei rispondenti si dichiara molto preoccupato per lo stato degli impianti esistenti nel proprio immobile quali riscaldamento, condizionamento, e ventilazione.[2]

In accordo, la riqualificazione energetica permette anche la sostituzione di materiali di costruzione e arredamento che risultano dannosi per la salute a causa del rilascio di sostanze nocive nell’aria interna all’immobile.

Alcune analisi di mercato hanno, infine, evidenziato una crescita della domanda di immobili con specifiche caratteristiche quali la presenza di ampie vetrate per una migliore illuminazione degli spazi domestici, una migliore esposizione dell’edificio così come la disponibilità di uno spazio verde, interno o esterno.

[2] Fonte: Casa Doxa

Torna all’indice

 

Calcolo Interventi di Risparmio Energetico: Simulatore Green BEES

All’interno dell’ampia gamma di servizi che Banco BPM propone ai propri clienti nell’ambito dell’offerta Mutui Green, un ruolo fondamentale è ricoperto dal Simulatore Green, uno strumento a disposizione dei Gestori non solo per stimare i potenziali interventi di efficienza energetica realizzabili sull’immobile oggetto di interesse del cliente ma anche per l’identificazione dei benefici economici derivanti dagli interventi e le possibili detrazioni fiscali.

Il Simulatore Green richiede un set minimo di informazioni necessarie per poter completare la simulazione. Infatti, in pochi minuti e attraverso semplici passaggi è possibile ottenere un prospetto di interventi energetici che tenga conto sia delle esigenze del cliente che delle caratteristiche dell’immobile.

L’output generato dal Simulatore Green è messo a disposizione del cliente direttamente dal Gestore in Filiale o tramite mail all’indirizzo indicato dal cliente. Con queste modalità, quest’ultimo può prendere visione e valutare la simulazione in un momento successivo alla stessa.

Il Simulatore Green rappresenta, dunque, un primo passo nel percorso verso l’efficienza energetica dell’immobile grazie ad una panoramica dei possibili interventi effettuabili, una stima dell’investimento necessario per il loro completamento, i benefici economici derivanti dal risparmio energetico e le detrazioni fiscali potenzialmente accessibili.

Torna all’indice

 

Mutui Green: il valore aggiunto per il cliente

I Mutui Green rappresentano uno strumento finanziario chiave a supporto della green transition del settore immobiliare favorendo l’acquisto e riqualificazione energetica di un immobile usato o la riqualificazione energetica di un immobile esistente a condizioni finanziarie agevolate.

In questo contesto, l’accesso al finanziamento green permette ai clienti di ottenere ulteriori benefici

laddove il processo di efficientamento energetico di un immobile agisce lungo due primarie direttrici, economica e di salubrità.

Torna all’indice

 

Mutui Green: i benefici

In primo luogo, gli impatti economici di un intervento di riqualificazione energetica su un immobile esistente o relativamente all’acquisto di un immobile già efficiente hanno un orizzonte temporale di medio-lungo periodo. In particolare:

  • Un immobile più efficiente risulta al contempo meno energivoro con conseguente riduzione dei costi che il cliente deve sostenere per l’utilizzo dello stesso;
  • Un immobile energeticamente efficiente ha un valore di mercato più elevato: le stime di CRIF RES confermano come il valore medio di mercato degli immobili decresca in relazione al peggioramento della classe energetica assegnata. In particolare, la classe A incorpora un premium price in crescita negli ultimi anni.

Inoltre, un studio condotto da CRIF RES[3] a Gennaio 2021 stimato come a fronte di un miglioramento di due classi energetiche (criterio necessario per il riconoscimento della detrazione fiscale per Superbonus 110%) possa corrispondere un incremento di valore dell’immobile residenziale che varia in accordo con la classe di partenza.

Ad esempio, la variazione maggiore si attesta a fronte del raggiungimento della classe A per immobili inizialmente in classe C con un incremento di valore di circa l’11% mentre immobili non efficienti (classe G) viene stimato possano vedere una rivalutazione a rialzo di circa il 6% raggiungendo la classe E.

[3] Tramite utilizzo dello strumento di valutazione automatica AVM

Torna all’indice

 

Mutui Green di Banco BPM

Dal 1 marzo 2021 Banco BPM mette a disposizione dei suoi clienti in tutte le sue filiali un’offerta completa di mutui green, con l’obiettivo di contribuire in maniera decisa all’efficientamento degli immobili privati e promuovere la consapevolezza green dei propri clienti e dipendenti.

La proposta infatti intende premiare con uno sconto sul tasso di interesse chi ristrutturando migliora la prestazione energetica del proprio immobile riducendo consumi ed emissioni di CO2.

I mutui con il “Green Factor” hanno ricevuto la certificazione Energy Efficient Mortgage Label (EEML), un marchio di qualità chiaro e trasparente volto a identificare i mutui ad alta efficienza energetica, promosso dalla Commissione Europea come best practice del mercato dei mutui.

Torna all’indice

 

Come funzionano e requisiti

L’offerta sui mutui green di Banco BPM è valida sia per l’acquisto o costruzione dell’immobile, sia per la ristrutturazione, sia per l’acquisto e la contestuale ristrutturazione. Ogni mutuo sarà caratterizzato dal “Green Factor”, una clausola attivabile durante tutta la vita del mutuo, che permetterà di risparmiare 10bps sul tasso contrattualizzato.

Per ottenere questo premio basterà presentare un certificato energetico (APE) pre e post lavori di efficientamento che dimostri che l’immobile così ristrutturato ha guadagnato almeno 2 classi energetiche o ha risparmiato almeno il 30% dei consumi (calcolato come riduzione dell’Indice di Prestazione Energetica non rinnovabile Globale).

Torna all’indice

 

Altri Prodotti e Soluzioni Green di Banco BPM

I Mutui Green accrescono l’offerta sostenibile di Banco BPM, affiancandosi a soluzioni già

disponibili per i clienti quali i nuovi servizi e prodotti finanziari dedicati agli incentivi del Superbonus 110%.

La Partnership tra Banco Bpm e Cherry 106 (primario operatore attivo nel mercato dell’acquisto di crediti di imposta e acquisto/ gestione/ incasso di crediti NPL) mette a disposizione della clientela servizi digitali innovativi relativi alla richiesta di cessione dei crediti di imposta legati all’EcoBonus110% e affini, tramite la tecnologia e la piattaforma di Whit-e (controllata del Gruppo TeamSystem).

L’area tematica di offerta si completa infine con altri prodotti di finanziamento, come ad esempio: il Prestito Versatilo di Agos con Offerta Green rivolto a coloro che destinano il finanziamento all’acquisto di beni o di servizi ecosostenibili e il Credito Condominio Energy Efficiency, per finanziare a condizioni vantaggiose i condomini impegnati in ristrutturazioni e riqualificazioni di efficientamento energetico. A questi prodotti si aggiunge un plafond da € 5 miliardi denominato “Investimenti Sostenibili 2020-2023” stanziato in favore delle aziende che intendono investire in sostenibilità e green transition, rivolgendosi ad un ampio panorama di settori merceologici, da quelle aziende che adottano politiche aziendali in grado di rafforzare la governance dei rischi ESG a interventi per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, da iniziative di economia circolare alla modernizzazione dei trasporti.

Torna all’indice

 

Contributo realizzato in collaborazione con CRIF

TRASPARENZA

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni economiche di tutte le tipologie di mutuo fare riferimento alle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto a Consumatori disponibili presso le filiali della banca e sul sito bancobpm.it alla sezione “Trasparenza”.

L’erogazione del finanziamento è subordinata alla normale istruttoria da parte della banca. Il credito è garantito da un’ipoteca sul diritto di proprietà o su altro diritto reale avente per oggetto un bene immobile residenziale.

Per quanto riguarda i prodotti Ducato ricordiamo che la richiesta di prestito è soggetta ad approvazione di Agos Ducato. Nel testo si fa riferimento al prestito flessibile Versatilo, un prodotto Agos Ducato S.p.A. Le filiali di Banco BPM S.p.A che promuovono e collocano tale prodotto operano in esclusiva per la Società erogante il credito (Agos Ducato S.p.A.) con la quale il cliente conclude il contratto. Banco BPM S.p.A opera come intermediario del credito, senza costi aggiuntivi per il cliente. Sul sito www.bancobpm.it e in filiale sono disponibili gratuitamente su richiesta della clientela il modulo “informazioni europee di base sul credito ai consumatori” (S.e.c.c.i.) e la copia del testo contrattuale. La flessibilità può essere esercitata nel rispetto dei limiti contrattualmente previsti, in caso di regolarità dei pagamenti e rimborso tramite addebito diretto in conto corrente SDD.

 Offerta valida dal 1/02/2021 al 31/12/2021.

Banco bpm
Acquisto o Ristrutturazione